Skip to main content

Programma Educativo 2024-2025

Mediamo-Medie (11-13 anni) 

Da settembre il Pitigliani lancia un nuovo programma pomeridiano per le vostre/i ragazze/i.
Approfitta della promo fino al 31 luglio

AIUTACI A CAPIRE QUALI ATTIVITÀ vorresti far seguire ai tuoi piccolini o piccoline, ci permetterà di organizzarle meglio insieme.
➡️ CLICCA SUBITO QUI ❤️

EBRAICO/CORSI BAR MIZVÀ: inizialmente Impareremo il vocabolario di base Impareremo il tempo presente con i verbi di base (BYNYAN PAAL) Conosceremo poi le festività ebraiche. Il tutto attraverso teatro, film e video, pittura…. Alla fine dell’anno i bambini sapranno costruire frasi semplici e sapranno parlare di sé.

Nel corso di 6 mesi (da gennaio a luglio) seguiremo il presente programma:

  1. Impareremo il vocabolario di base.
  2. Impareremo il tempo presente con i verbi di base (BYNYAN PAAL).
  3. Conosceremo le festività ebraiche (in italiano con parole importanti in ebraico)

Alla fine dell’anno i bambini conosceranno tutte le festività ebraiche,

sapranno costruire frasi semplici e sapranno parlare di sé.

Lo studio verrà svolto attraverso:

  • Teatro – spettacoli teatrali.
  • Film e video.
  • Arti visive (pittura, scultura, fotografia, collage, ecc.).
  • storie e canzoni.

+ VIDEO LABORATORIO CREATIVO LETTERE

MUSICA: Il Pitigliani con l’Associazione Suoniamo Insieme per Alisa propone corsi triennali certificati di percussione, chitarra, pianoforte e basso elettrico/contrabbasso. assieme a L’Associazione Indaco aps che vanta in questo settore una ricca esperienza di insegnamento della musica quale elemento fondamentale del percorso didattico-educativo ed evolutivo dell’età adolescenziale.

Il Pitigliani con l’Associazione Suoniamo Insieme per Alisa propone corsi triennali certificati di percussione, chitarra, pianoforte e basso elettrico/contrabbasso. Assieme a L’Associazione Indaco aps che vanta in questo settore una ricca esperienza di insegnamento della musica quale elemento fondamentale del percorso didattico-educativo ed evolutivo dell’età adolescenziale

Come è organizzato: il corso si svolge in orario pomeridiano Le lezioni di strumento sono infatti individuali o per piccoli gruppi: sono previste un’ora di lezione individuale di 60 minuti ogni settimana suddivisa in 30 di pratica strumentale e 30 di ascolto più una lezione di musica d’insieme e/o teoria musicale a settimane alternate. Per il terzo anno la frequentazione del laboratorio di musica d’insieme sarà un passaggio obbligato rispettando le attitudini e valutando l’interesse e l’entusiasmo del fare musica. Nel caso si presentasse la necessità di incrementare l’organico si offrirà l’opportunità di frequentare le lezioni di orchestra dell’Istituto previo audizione.

Gli alunni del corso di strumento non devono necessariamente appartenere allo stesso gruppo classe, possono provenire sia dalle classi a tempo normale sia da quelle a tempo prolungato.

Finalità formative dell’insegnamento strumentale:

  • promuovere la formazione globale dell’individuo offrendo, attraverso un’esperienza musicale resa più completa dallo studio di uno strumento, occasioni di maturazione logica, espressiva e comunicativa, di consapevolezza della propria identità e quindi di capacità di operare scelte;
  • consentire una coerente appropriazione del linguaggio musicale nella sua globalità, come mezzo di espressione e comunicazione, di comprensione partecipata dei patrimoni delle diverse civiltà, di sviluppo del gusto estetico e del giudizio critico;
  • integrare il modello curricolare con percorsi disciplinari che sviluppino nell’alunno oltre alla dimensione cognitiva anche quella pratico-operativa, quella estetico-emotiva, quella improvvisativo-compositiva;
  • fornire ulteriori occasioni di integrazione e di crescita ad alunni in situazione di svantaggio;
  • potenziare e valorizzare le eccellenze.
  • Dare la possibilità di proseguire gli studi agli alunni meritevoli in funzione della frequentazione del corso di orchestra.
FOTOGRAFIA: Permette ai ragazzi di acquisire Competenze Tecniche di Base, promuovere la creatività e l’espressione personale educare all’osservazione e alla composizione, sviluppare capacità critiche e analitiche ma anche incoraggiare la collaborazione e la condivisione

Il corso di fotografia…perché?

Promuovere la Creatività e l’Espressione Personale:

  • Offrire ai ragazzi uno strumento per esprimere le loro idee, emozioni e punti di vista attraverso le immagini.
  • Incoraggiare la sperimentazione artistica e lo sviluppo di uno stile personale.

  Educare all’Osservazione e alla Composizione:

  • Insegnare ai ragazzi a vedere il mondo con occhi diversi, sviluppando una maggiore attenzione ai dettagli e alle composizioni visive.
  • Stimolare la consapevolezza estetica e la capacità di analizzare e apprezzare le immagini.

  Fornire Competenze Tecniche di Base:

  • Introdurre i partecipanti alle tecniche fondamentali della fotografia, comprese le nozioni di esposizione, messa a fuoco, profondità di campo e uso della luce.
  • Familiarizzare i ragazzi con l’uso delle fotocamere, dagli smartphone alle fotocamere digitali più avanzate.

 Sviluppare Capacità Critiche e Analitiche:

  • Aiutare i ragazzi a valutare criticamente le proprie fotografie e quelle degli altri, comprendendo gli elementi che rendono una fotografia efficace.
  • Insegnare a ricevere e dare feedback costruttivo.

Incoraggiare la Collaborazione e la Condivisione:

  • Promuovere il lavoro di gruppo e la condivisione delle esperienze fotografiche, creando un ambiente di apprendimento collaborativo.
  • Organizzare esposizioni e mostre dei lavori per coinvolgere la comunità e dare visibilità ai giovani fotografi.
PREPUGILISTICA: Il corso del Pitigliani è importantissimo per i tuoi ragazzi perché innanzitutto offre un ambiente di apprendimento sicuro per promuovere il loro benessere fisico, insegnare disciplina e autocontrollo, sviluppare autostima e fiducia in sé stessi e favorire la socializzazione e l’inclusione.

Perché FARE PREPUGILISTICA AL Pitigliani?

Promuovere il Benessere Fisico:

  • Migliorare la salute generale attraverso un’attività fisica strutturata e regolare.
  • Sviluppare resistenza, forza, coordinazione e flessibilità.

 Offrire un Ambiente di Apprendimento Sicuro:

  • Garantire un ambiente controllato dove i ragazzi possano apprendere tecniche pugilistiche senza rischi di infortuni gravi.

Insegnare l’importanza della sicurezza e del fair play Insegnare Disciplina e Autocontrollo:

  • Incoraggiare il rispetto delle regole e degli avversari, sviluppando l’autodisciplina.
  • Promuovere la gestione delle emozioni e l’autocontrollo in situazioni di stress.

  Incoraggiare lo Sviluppo Personale:

  • Migliorare l’autostima e la fiducia in sé stessi attraverso il raggiungimento di obiettivi personali e sportivi.
  • Sviluppare capacità di leadership e lavoro di squadra.

Favorire la Socializzazione e l’Inclusione:

  • Creare un senso di comunità e appartenenza, favorendo la socializzazione tra coetanei.
  • Promuovere valori di inclusione e rispetto delle diversità.
2 LABORATORI ISPIRATI AL METODO FEUERSTEIN: per abituare i bambini alla ricerca di strategie per affrontare e risolvere problemi nuovi e complessi rafforzarndo le proprie competenze e modalità di apprendimento.

Tutto ciò rende il bambino/ragazzo protagonista attivo del proprio apprendimento, capace di dare un senso alle proprie esperienze e operare in maniera flessibile ed efficace nelle situazioni nuove e diverse, che richiedono di ristrutturare i propri schemi mentali.

  1. ALI PER LA MENTE: Un laboratorio che coinvolge i partecipanti al fine di arricchire la mente attraverso l’ampliamento degli aspetti cognitivi e metacognitivi.

    Il focus riguarda i processi necessari a elaborare contenuti specifici e mira in particolare a attivare e sviluppare i prerequisiti del pensiero che sostengono i processi della mente: una volta appreso l’uso di una strategia cognitiva, questa potrà essere utilizzata anche in ambiti non sperimentati.

    Tutto ciò rende il bambino/ragazzo protagonista attivo del proprio apprendimento, capace di dare un senso alle proprie esperienze e operare in maniera flessibile ed efficace nelle situazioni nuove e diverse, che richiedono di ristrutturare gli schemi mentali.

    Attraverso la relazione educativa e la cura della componente affettivo-sociale il bambino/ragazzo è guidato a comunicare in modo costruttivo, a comprendere  punti di vista  diversi, a rafforzare il senso di competenza assumendo un atteggiamento di fiducia e ottimismo nei confronti delle sfide quotidiane.

    Sono previsti incontri di approfondimento sulle caratteristiche del Metodo Feuerstein e le finalità degli strumenti utilizzati, rivolte a genitori, insegnanti e specialisti al fine di costruire una rete di condivisione dei percorsi e delle modalità di approccio didattico-educativo.

  2. IMPARARE A IMPARARE:

    Un laboratorio di apprendimento con la finalità di sviluppare la partecipazione attiva dei ragazzi alla ricerca di strategie di studio efficaci e personalizzate. Un luogo in cui il ragazzo impara a conoscersi, a scoprire le strategie più adatte al proprio stile di apprendimento, a mettere in luce i propri punti di forza condividendo un diverso e positivo approccio allo studio e alla risoluzione dei compiti assegnati a scuola.

    Anche un luogo in cui promuovere il pensiero argomentativo, sperimentare e valorizzare una comunicazione efficace, incrementare sicurezza e motivazione.

    Il potenziamento dell’apprendimento sarà curato anche attraverso l’ausilio delle tecnologie informatiche.

    Sono previsti incontri di approfondimento sulle caratteristiche del Metodo Feuerstein e le finalità degli strumenti utilizzati, rivolte a genitori, insegnanti e specialisti al fine di costruire una rete di condivisione dei percorsi e delle modalità di approccio didattico-educativo.

I laboratori svolgono dal lunedì al giovedì dalle 14.30 alle 18.30, il venerdì dalle 13.30 alle 15.30 (compatibilmente con l’entrata del sabato) con orari, operatori e spazi fissi e stabili per ciascun bambino tutto l’anno; è diviso in sessioni di un’ora circa e si svolge attraverso laboratori di gruppo, o in sessioni individuali per una/due volte la settimana secondo il progetto condiviso sul bambino. 

Lo staff è altamente qualificato e composto da psicologi e mediatori Feuerstein che, in un clima di accoglienza e ascolto attivo, in uno spazio riservato, accogliente e a misura di bambino, operano attraverso strumenti e materiali qualificati riconosciuti idonei dalla comunità scientifica. Gli operatori sono costantemente in relazione con insegnanti, genitori ed eventuali altre figure in campo al fine di creare una rete di mutua collaborazione in comunione di obiettivi incentrati sul bambino. Il programma si avvale della consulenza dell’equipe psico-sociale interna al centro*.

(*) Clotilde Iadeluca

Laurea in Pedagogia e in Psicologia. Numerosi corsi di Perfezionamento Universitari post laurea, tra cui “Neuropsicologia dello sviluppo”, “Psicopatologia dell’apprendimento “e “Tutor dell’apprendimento”.
Attualmente Docente a contratto presso le Università LUMSA e UNICAL su argomenti di didattica inclusiva anche con uso di tecnologie, aspetti metacognitivi ed emotivo-relazionali ed elementi di personalizzazione e di arricchimento cognitivo per alunni con Bisogni Educativi Speciali. Formatrice presso l’Associazione Italiana Dislessia e componente del Comitato Etico, svolge attività nella sezione di Roma attraverso assemblee divulgative, attività di sportello, didattica per ragazzi con DSA e da alcuni anni ha la responsabilità organizzativa del corso “Tutor AID”. Dal 2009 presenta, da associata, un contributo di ricerca personale ai Congressi annuali dell’Associazione Italiana per la Ricerca e l’Intervento nella Psicopatologia dell’Apprendimento, fondata dal prof Cornoldi. È componente del Comitato di Coordinamento di AIRIPA Lazio.

Nel 2001 ha iniziato il percorso di formazione ai diversi livelli del programma del prof. Feuerstein: 

-Mediatrice e Formatrice senior di PAS Standard e Basic e di PAS tattile

-Valutatrice del potenziale di apprendimento attraverso LPAD Standard ed LPAD Basic.

HIP HOP: Il corso prevede l’insegnamento pratico dei passi base. Lo scopo principale è quello di migliorare e sviluppare le capacità di movimento, coordinazione, senso musicale e spirito di gruppo in modalità ludica in modo tale da coinvolgere i bambini in un’atmosfera stimolante e piacevole.

Il corso prevede l’insegnamento pratico dei passi base. Lo scopo principale è quello di migliorare e sviluppare le capacità di movimento, coordinazione, senso musicale e spirito di gruppo in modalità ludica in modo tale da coinvolgere i bambini in un’atmosfera stimolante e piacevole all’interno della quale possono divertirsi ed esprimersi in maniera libera ed autonoma. La lezione si suddividerà in due parti: una fase di riscaldamento iniziale ed una successiva in cui verranno insegnati i passi base funzionali poi per comporre delle piccole coreografie.

ORA CHE HAI SCOPERTO TUTTE LE ATTIVITÀ aiutaci a capire quali vorresti far seguire alle vostre/i ragazze/i o piccoline, ci permetterà di organizzarle meglio insieme.
➡️ CLICCA SUBITO QUI ❤️

Scrivici
Usa questa casella per inviarci un messaggio tramite WhatsApp ...